Home Fatti da noi Ricette cosmetici naturali

PostHeaderIcon Cosmesi fatti da noi

Ricetta per lo shampoo – (Morena):

 

EDELMANI                         80 ml

Olio di girasole                    20 ml

Tisana di malva                   80 ml    ( ...... camomilla, tè, rose ...... )

Olio essenziale rosmarino   10 gtt.

olio essenziale  menta        10 gtt.

  

alla fine risciacquare i capelli con aceto di mele leggermente diluito

 

 

 


Detergenti vari – (Sonia)

 

Queste sono le ricette che ho sperimentato fino ad ora. Sono tratte principalmente dai seguenti testi:

Francesca Marotta, Comesi naturale in pratica, Tecniche Nuove, Milano, 2002, € 7,90

Giulia Penazzi, Cosmetici naturali fai da te, Tecniche Nuove, Milano, 2006, € 7,90

 

DETERGENTI PER VISO E CORPO

 

Detergente al coriandolo, ginepro e zenzero

Ingredienti per circa 250 gr di detergente:

200 gr di farina di grano saraceno,

2 cucchiai di semi di coriandolo,

2 cucchiai di bacche di ginepro,

1 cucchiaio di zenzero in polvere.

 

Come si fa:

Polverizzate la farina e le spezie nel macinacaffé elettrico. Mescolate farina e spezie e setacciate il tutto con un setaccio fine. Conservate in un barattolo chiuso, meglio se in una zuccheriera con beccuccio, facile da usare per la doccia.

Come si usa

Versate un po’ di farina nel cavo della mano e strofinate la farina sulla pelle bagnata, viso compreso, formando una crema. Se necessario aggiungete un po’ d’acqua. Massaggiate e sciacquate.

Deterge perfettamente ma delicatamente, lasciando la pelle levigata e profumata. E’ tonificante e dermopurificante e ha un profumo fresco e resinoso. Aiuta anche a rallentare la crescita dei peli dopo la depilazione.

 

Panetto detergente con prugne, sesamo e cannella

Ingredienti per un panetto da 200 gr. circa

100 gr di prugne secche morbide

2 cucchiai di farina di grano saraceno

2 cucchiai di semi di sesamo

1 stecca di cannella da 10 cm.

 

Come si fa

Polverizzate insieme la farina e la cannella nel macinacaffè elettrico, quindi setacciate tutto con il setaccio finissimo. Denocciolate le prugne e tritatele finissime con il tritatutto. Polverizzate i semi di sesamo nel macinacaffè elettrico. Impastate insieme tutti gli ingredienti, amalgamando perfettamente il tutto.

Come si usa

Prendete un pezzetto di pasta e strofinatela sulla pelle bagnata, formando una specie di “latte” denso; se necessario aggiungete un po’ d’acqua. Massaggiate e sciacquate. Per usarlo come maschera per il viso, raccogliete nel cavo della mano un cucchiaino circa di pasta, ammorbiditela con un po’ di acqua formando una crema, spalmate sul viso pulito massaggiando, lasciate agire per 5 minuti quindi sciacquate con acqua tiepida.

Pratico, compatto e leggero fa da cosmetico multiuso; se usato come maschera ha un effetto levigante, stimolante e ravviva il colorito.

 

Pasta di mandorle detergente

Ingredienti per circa 150 gr di pasta di mandorle

100 gr di mandorle sgusciate non pelate, 2 o 3 cucchiai di miele di acacia.

 

Come si fa

Polverizzate le mandorle nel macinacaffè elettrico o nel tritatutto. Impastate con il miele formando una pasta malleabile (più morbida della pasta di mandorle classica). Si può eventualmente profumare aggiungendo nell’impasto 5 o 6 gocce di un olio essenziale a scelta (io ci metto quello di mandarino, dermopurificante, astringente e adatto alla pelle sensibile). Formate una palla e conservatela in un barattolo chiuso. Si conserva a temperatura ambiente per 1-2 mesi, 3 mesi in frigorifero.

Come si usa

Staccate dalla palla una nocciola di pasta e strofinatela sul viso bagnato, formando una specie di “latte” denso; se necessario aggiungete un po’ d’acqua. Massaggiate e sciacquate con acqua tiepida. Per usarla come maschera, raccogliete nel cavo della mano 1 cucchiaino circa di pasta, ammorbiditela con un po’ d’acqua formando una crema, spalmate sul viso pulito massaggiando, lasciate agire per 10 minuti quindi sciacquate con acqua tiepida.

E’ una vera cura di bellezza: lascia la pelle morbida e setosa. Usata come maschera ha un effetto idratante, emolliente e protettivo.

 

Detergente allo yogurt e miele per l’igiene intima

Ingredienti per circa 50 ml di detergente

1 cucchiaio di yogurt bianco intero, 1 cucchiaino di miele di castagno, 2 cucchiai di detergente liquido delicato a base di tensioattivi (io l’ho sostituito con 1 cucchiaio di Edelmani + 2 cucchiai di acqua), 5 gocce di olio essenziale di lavanda, 3 gocce di olio essenziale di geranio e 2 gocce di olio essenziale di tea tree (melaleuca).

 

Come si fa

Mescolate insieme tutti gli ingredienti. Conservate in una bottiglietta di vetro scuro. Si conserva 7-8 giorni in frigorifero.

Come si usa

Si usa come un normale detergente, in piccola quantità. Fa poca schiuma.

Molto delicato e fisiologico, ha un buon effetto antibatterico e riequilibrante della microflora.

 

 

Bomba frizzante per il bagno

Ingredienti per una bomba

4 ½ cucchiai di bicarbonato di sodio, 1 ½ di acido citrico (si compra in farmacia); 8 gocce di un olio essenziale a scelta fra arancio, bergamotto, menta, ylang-ylang, mandarino, lavanda.

 

Come si fa

Mettere tutti gli ingredienti in una scodella e mescolare accuratamente. Per un effetto più “romantico” potete aggiungere fiori secchi di lavanda o boccioli di rosa. Inumidire l’impasto con un vaporizzatore contenente acqua (io ho usato l’acqua di rose): procedete con attenzione perché il bicarbonato tende a sciogliersi. Appena il composto sarà un po’ umido versatelo in uno stampo (vanno benissimo quelli di silicone) e pressatelo con forza. Lasciatelo asciugare e poi sformatelo. Si conserva 3-4 mesi a temperatura ambiente.

Come si usa

Riempite la vasca da bagno, immergetevi e mettete la bomba nell’acqua. Non usate altri detergenti.

E’ come stare immersi in una coppa di champagne. La bomba ha un’azione detergente, emolliente, dermopurificante.


DETERGENTI PER CAPELLI

 

Shampoo agli agrumi per capelli grassi

Ingredienti per circa 200 ml di shampoo

200 ml di shampo delicato a base di tensioattivi (io l’ho sostituito con 80/100 ml di Edelmani + 120 ml di acqua); 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, 6 gocce ciascuno dei seguenti oli essenziali: limone, arancio, bergamotto, salvia. L’olio essenziale di bergamotto può essere sostituito da altrettanto olio essenziale di limone. Anziché diluire l’Edelmani nell’acqua si può usare un infuso: di tè, camomilla o malva. Versate lo shampoo in un flacone pulito o una bottiglietta di vetro scuro, aggiungete l’olio e gli oli essenziali, tappate e agitate energicamente. Si conserva a temperatura ambiente per 3-4 mesi.

Come si usa

Agitate prima dell’uso. Fate un solo shampoo. Per capelli più soffici e lucidi fate l’ultimo risciacquo con acqua e succo di limone.

 

Shampoo rinforzante alle erbe aromatiche

Ingredienti per circa 200 ml di shampoo

200 ml di shampo delicato a base di tensioattivi (io l’ho sostituito con 80/100 ml di Edelmani + 120 ml di acqua); 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, 8 gocce ciascuno dei seguenti oli essenziali: basilico, salvia, rosmarino (io ho sostituito il rosmarino con l’olio essenziale di menta). Anziché diluire l’Edelmani nell’acqua si può usare un infuso di menta.

 

Come si fa

Versate lo shampoo in un flacone pulito o una bottiglietta di vetro scuro, aggiungete l’olio e gli oli essenziali, tappate e agitate energicamente. Si conserva a temperatura ambiente per 3-4 mesi.

Come si usa

Agitate prima dell’uso. Fate un solo shampoo.

E’ uno shampoo riattivante e anticaduta, adatto per stimolare la crescita dei capelli.

 

Shampoo antiforfora alla curcuma

Ingredienti per circa 200 ml di shampoo

200 ml di shampo delicato a base di tensioattivi (io l’ho sostituito con 80 ml di Edelmani + 120 ml di acqua); 2 cucchiai di oleolito di curcuma (vedi sotto), 8 gocce ciascuno dei seguenti oli essenziali: tea tree, lavanda, geranio.

 

Come si fa

Versate lo shampoo in un flacone pulito o una bottiglietta di vetro scuro, aggiungete l’olio e gli oli essenziali, tappate e agitate energicamente. Si conserva a temperatura ambiente per 3-4 mesi.

Come si usa

Agitate prima dell’uso. Fate un solo shampoo. Se volete, fate l’ultimo sciacquo con acqua e succo di limone. Delicato ma efficace, agisce contro la forfora fin dalla prima applicazione, ma i suoi effetti appaiono sempre più evidenti lavaggio dopo lavaggio.

 

Shampoo alla camomilla per cute sensibile

Ingredienti per circa 250 ml di shampoo

200 ml di shampo delicato a base di tensioattivi (io l’ho sostituito con 80 ml di Edelmani + 120 ml di acqua); 3 cucchiai di oleolito di camomilla (vedi sotto), 7 gocce ciascuno dei seguenti oli essenziali: lavanda, geranio.

Si prepara esattamente come i precedenti.

Lava senza irritare; l’oleolito di camomilla ha un’azione lenitiva e calamnte, che si unisce  quella degli oli essenziali.

GLI OLEOLITI

Gli oleoliti sono preparazioni utili come ingrediente di base per molte ricette. Si preparano facendo macerare nell’olio alcune erbe officinali o spezie. Ricchi di principi attivi liposolubili, sono dotati di notevoli proprietà cosmetiche. Sono molto facili da preparare e possono durare fino a due anni. Vanno conservati al buio e lontano da fonti di calore.

 

Oleolito di camomilla

Ingredienti per circa ½ litro di oleolito

100 gr di capolini di calendula secchi, ½ litro di olio extravergine di oliva

 

Come si fa

Mettete la calendula in un barattolo di vetro dotato di coperchio ermetico, copritela con l’olio e chiudete il barattolo. Esponete al sole (ad esempio sul davanzale di una finestra) per 30 giorni; d’inverno, invece, mettete il barattolo in un luogo caldo ma non direttamente sulla fonte di calore. Una volta al giorno scuotete il barattolo. Filtrate l’olio passandolo attraverso una tela leggera. Spremete il residuo. Conservate in una bottiglia di vetro scuro, in un luogo fresco e al buio. Mettete sempre la data di filtraggio sul barattolo e quella di scadenza 2 anni dopo. Non è opportuno conservarli più a lungo.

Come si usa

Si usa in numerose ricette, soprattutto quelle per bambini piccoli. Ottimo come olio per la pulizia del viso per le pelli sensibili, fragili e tendenti alle screpolature.

E’ un oleolito dotato di notevoli proprietà lenitive e cicatrizzanti; ha anche un’ottima azione normalizzante sulla microflora cutanea.

 

Oleolito di camomilla

Ingredienti per circa ½ litro di oleolito

100 gr di capolini di camomilla secchi, ½ litro di olio extravergine di oliva

 

Come si fa

Esattamente come l’oleolito di calendula.

Come si usa

Grande amico delle pelli delicate e tendenti all’arrossamento, si usa per pulire con delicatezza le pelli con couperose. Va molto bene anche per fare massaggi rilassanti e come doposole.

Ha un’azione lenitiva, calmante e decongestionante.

 

Oleolito di curcuma

Ingredienti per circa ½ litro di oleolito

½ litro di olio di sesamo spremuto a freddo, 3 cucchiai di curcuma in polvere.

 

Come si fa

Versate l’olio in un barattolo con coperchio ermetico e mescolatevi la curcuma. Chiudete e lasciate a macerare per una settimana, agitando il barattolo una volta al giorno. L’ottavo giorno non agitate il barattolo e travasate l’olio in una bottiglia di vetro scuro avendo cura di non smuovere la curcuma che si sarà depositata sul fondo del barattolo.

Come si usa

E’ la base perfetta per creme, detergenti e cosmetici in generale, essendo dotato di spiccate proprietà antirughe, antinvecchiamento, antiforfora; inoltre, protegge dagli effetti nocivi delle radiazioni solari.

Ricco di curcumina, sostanza antiossidante che rende gialla la curcuma, quest’olio combatte efficacemente i radicali liberi e riequilibra la microflora.

Oleolito di spezie

Ingredienti per circa ½ litro di oleolito

½ litro di olio di sesamo spremuto a freddo, 1 cucchiaio di semi di coriandolo, 1 cucchiaio di semi di anice, 1 stecca di cannella lunga circa 20 cm.. 1 cucchiaino di pepe nero in grani, ½ cucchiaino di noce moscata grattugiata.

 

Come si fa

Polverizzate le spezie nel macinacaffè elettrico. Versate l’olio in un barattolo con coperchio ermetico e mescolatevi tutte le spezie. Chiudete e lasciate a macerare in un luogo caldo per una settimana, agitando il barattolo una volta al giorno. L’ottavo giorno non agitate il barattolo e travasate l’olio in una bottiglia di vetro scuro avendo cura di non smuovere le spezie che si saranno depositate sul fondo del barattolo.

Come si usa

Perfetto come olio da massaggio riscaldante e come olio da bagno stimolante, va bene anche per fare creme riattivanti e per detergere le pelli stanche.

Ricco di principi attivi antibatterici e antiossidanti, stimola la circolazione cutanea e lascia la pelle delicatamente profumata.

 

 

CREME E BALSAMI PER LA PELLE

Prepararli è facile ma bisogna seguire alcuni piccoli accorgimenti:

  1. usare solo pentolini di acciaio inox o di vetro spesso
  2. trattandosi di creme a base di cera d’api, prima di lavarli bisogna scaldarli e togliere i residui di cera con della carta da cucina.

Queste creme sono molto concentrate e vanno usate in piccolissime quantità  (circa ¼ rispetto a una crema convenzionale), altrimenti si rischia di lasciare la pelle unta. E’ meglio metterle sempre sulla pelle umida massaggiando rapidamente per favorirne l’assorbimento.

 

Crema base per il viso

Ingredienti per circa 50 ml

1 pezzetto di cera d’api grande quanto una grossa nocciola, 3 cucchiai di olio di sesamo spremuto a freddo, 1 cucchiaio di acqua tonica all’argilla (vedi sotto), 15 gocce di olio essenziale (a scelta fra quello più adatto al tipo di pelle; si possono anche fare miscele di oli essenziali).

NOTA: ho sostituito l’olio di sesamo con oleolito di calendula o di camomilla o di spezie (tutti fatti secondo le ricette sopra indicate) e gli oli essenziali con arancio e mandarino in parti uguali oppure con ylang-ylang. Per vedere quello che va meglio per la propria pelle si possono consultare delle tabelle (che si trovano anche su Internet) e miscelare diversi oli. Si possono addizionare alle creme anche principi attivi o vitamine acquistabili in farmacia o al supermercato sotto forma di perle gelatinose: per esempio io ho aggiunto alle mie creme per il viso della vitamina E (antiossidante).

 

Come si fa

Mettere la cera d’api in un pentolino e scaldare a bagnomaria. Quando la cera si sarà sciolta completamente aggiungete l’olio; attendete che il tutto sia ben dissolto e quindi togliete dal bagnomaria.

Fate raffreddare mescolando di continuo; quando la miscela comincia a intiepidirsi e ad addensarsi unitevi l’acqua versando goccia a goccia e mescolando rapidamente, come per fare una maionese. Aggiungete l’olio essenziale e mescolate bene. Conservare la crema in un vasetto con chiusura ermetica perfettamente pulito. Si conserva almeno 2 mesi (in realtà anche di più) a temperatura ambiente, fino a 4-5 mesi in frigorifero.

Come si usa

Bagnare il viso con un po’ d’acqua all’argilla, applicare una piccolissima dose di crema, distribuirla rapidamente su tutto il viso e massaggiare fino a completo assorbimento. 

 

La crema per le mani e per il corpo si preparano nello stesso modo. L’unica variante sono l’olio e gli oli essenziali:

-          per le mani: usare olio extra-vergine di oliva e olio essenziale di limone

-          per il corpo: usare olio di girasole e olio essenziale di arancio dolce.

 

 

Crema fluida evanescente allo yogurt

Ingredienti per circa 50 ml di crema fluida

2 cucchiai colmi di yogurt intero fresco, 2 cucchiai rasi di olio extravergine di oliva, 5 gocce di olio essenziale di lavanda, 5 gocce di olio essenziale di tea tree (melaleuca).

 

Come si fa

Versate tutti gli ingredienti in una bottiglietta o in un barattolino, tappate e agitate energicamente per emulsionare. Si conserva in frigo per 7-10 giorni.

Come si usa

Agitate prima dell’uso. Applicate sulla pelle asciutta, stendete rapidamente e massaggiate fino a completo assorbimento. Si può usare sia per il viso che per il corpo. Si usa in quantità maggiore rispetto alle creme viste sopra (se ne usa la stessa quantità di una crema convenzionale).

 

Balsamo per le labbra al mandarino

Ingredienti per circa 30 ml di balsamo

1 pezzetto di cera vergine d’api grande quanto una grossa nocciola, 1 ½ cucchiaio di olio extra vergine di oliva (io ho usato l’oleolito di camomilla o di calendula), 18 gocce di olio essenziale di  mandarino, 2 gocce di olio essenziale di cannella.

 

Come si fa

Mettete la cera in un pentolino e scaldate a bagnomaria. Quando la cera si sarà dissolta completamente, aggiungete l’olio; attendete che il tutto sia ben dissolto, quindi togliete dal bagnomaria. Lasciate raffreddare per pochi istanti (il composto però deve rimanere fluido), aggiungete gli oli essenziali e mescolate. Versate in in piccolissimo stampo (tipo quelli delle marmellatine) e fate raffreddare. Si conserva a temperatura ambiente per 5 mesi.

Come si usa

Passate il balsamo sulle labbra come fareste con un rossetto, oppure grattatene un po’ con l’unghia e stendetelo con il dito. Estremamente protettivo, nutre e ammorbidisce anche le labbra più screpolate; si può applicare più volte al giorno. Va bene anche per le screpolature intorno al naso dovute al raffreddore.

 

Acqua tonica all’argilla

Ingredienti per circa 200 ml di acqua tonica

1 tazza colma di acqua (250 ml), 1 cucchiaio di argilla verde ventilata, 1 cucchiaio di sale marino integrale fino.

 

Come si fa

Mettete l’acqua e il sale in una terrina, aggiungete l’argilla e mescolate per circa 1 minuto. Coprite e lasciate riposare per un’ora. Travasate l’acqua in una bottiglietta di vetro, facendo molta attenzione a non smuovere l’argilla che nel frattempo si sarà depositata sul fondo della terrina. Si conserva per 2 settimane a temperatura ambiente (questo dice il libro; io ce l’ho da 2 mesi ed è perfetta!)

Come si usa

Si usa come un tonico, per bagnare la pelle prima dell’applicazione della crema o per detergere e rinfrescare il viso. E’ un’acqua purissima e ricca di minerali, dotata di proprietà idratanti e riequilibranti.

 

 

Dentifricio in pasta di giaggiolo

Ingredienti

2 cucchiai di polvere di rizoma di giaggiolo (iris germanica, varietà florentina); ½ cucchiaio di argilla verde superventilata, glicerina quanto basta, 4 gocce di olio essenziale di menta.

 

Come si fa

Aggiungere la glicerina alla polvere di giaggiolo mescolata all’argilla fino ad ottenere una pasta morbida. Unire le gocce di olio di menta.

Come si usa

Come un normale dentifricio.

 

La polvere di rizoma di giaggiolo è impiegata sin dall’antichità per l’igiene dentale: pare che la usasse anche Cleopatra! E’ astringente e aiuta a rimuovere la placca. L’argilla ha una leggera funzione levigante, senza rovinare lo smalto. E’ importante che sia del tipo “superventilata finissima”. L’olio essenziale di menta è antisettico e rinfresca l’alito. Io faccio 2 gocce di olio essenziale di menta e 2 di salvia.

Nota: la glicerina si compra in farmacia e costa pochissimo. La polvere di rizoma di giaggiolo è un po’ più difficile da trovare. Io ho preso direttamente il rizoma dal giardino di mia mamma, l’ho pulito, l’ho seccato e l’ho grattugiato: è un lavoraccio. La soluzione migliore è comprarlo in erboristeria: se qualcuno ne conosce qualcuna ben fornita, non esiti a dirmelo!